Questo sito contribuisce alla audience di

resipiscènza

sf. lett. [sec. XVII; dal latino tardo resipiscentía, da resipiscens, resipiscente]. In diritto penale, il desistere da un'azione delittuosa quando è già iniziata o quando già è compiuta, intervenendo per impedirne gli effetti dannosi; nel primo caso subentra l'impunità, nel secondo una diminuzione della pena. Più in genere, ravvedimento, rinsavimento che si esplica nel rimediare al male compiuto.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti