Albaréto

Indice

comune in provincia di Parma (71 km), 512 m s.m., 103,95 km², 2181 ab. (albaretesi), patrono: Maria Santissima Assunta (15 agosto).

Centro nella valle del torrente Gotra, affluente di destra del fiume Taro. Nel Medioevo appartenne ai vescovi di Luni e poi, infeudato nel sec. XII ai conti di Lavagna, fu da questi ceduto nel 1202 a Piacenza. Seguì poi le vicende di Borgo Val di Taro. Fino al 1928 si chiamò Albareto di Borgotaro.Dell'antico castello resta una torre quadrata eretta nel 1650.§ L'economia si basa sull'allevamento bovino, la coltivazione di cereali e ortaggi, la produzione e lavorazione del legno, la raccolta di funghi porcini IGP, cui è dedicata una fiera in settembre; notevole il turismo estivo ed escursionistico nei vasti boschi.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora