Küng, Hans

teologo svizzero (Sursee, Lucerna, 1928). Professore nell'Università di Tubinga, ha legato il proprio nome a una profonda revisione dell'ecclesiologia cattolica tradizionale e, in particolare, a una rigorosa critica del dogma dell'infallibilità pontificia, tale da procurargli una condanna dell'autorità ecclesiastica che, dopo averne chiesto la sospensione dall'insegnamento (1979), ha determinato di non riconoscere comunque i suoi corsi universitari (1980). In seguito Küng non ha rinunciato alla sua posizione critica intervenendo, negli anni Novanta, nel dibattito sulla necessità di un'etica per affrontare le grandi trasformazioni moderne (Progetto per un'etica mondiale, 1991). Tra le opere principali si ricordano Die Kirche (1967; La chiesa), Menschwerdung Gottes (1970; Incarnazione di Dio), Unfehlbar? Eine Anfrage (1970; Infallibile? Una domanda), Christsein (1974; Essere cristiani), Existiert Gott? (1978; Dio esiste?). Negli anni Novanta, Küng ha inoltre sviluppato la propria ricerca sui temi dell'ecumenismo e della teologia delle religioni non cristiane in particolare in Conservare la speranza (1990), Il Giudaismo (1993), Credo (1993), Christianity (1996) La Chiesa Cattolica. Una breve storia (2001), Etica mondiale per la politica e l'economia (2002),Islam (2005), L'inizio di tutte le cose (2006). Nel 2008 esce l'autobiografia La mia battaglia per la libertà. È editore di numerosi periodici, tra i quali Journal of Ecumenical Studies, Revue Internationale de Théologie, Concilium, Theological Meditations, Ökumenische Theologie.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora