Mèldola

Indice

comune in provincia di Forlì-Cesena (13 km da Forlì), 58 m s.m., 78,85 km², 9377 ab. (meldolesi), patrono: san Nicola (6 dicembre).

Centro alla sinistra del fiume Ronco. Di origine forse romana, se ne hanno notizie dopo il sec. XI. Fu ceduto dal papa a Malatesta Novello di Cesena nel 1441, ma tornò alla Chiesa dopo un breve dominio veneziano (1503-1509). Leone X lo infeudò ai Pio di Carpi, che alla fine del sec. XVI lo vendettero agli Aldobrandini; seguirono i Doria Pamphili, i Doria e i Borghese, cui rimase fino al periodo napoleonico.§ Il nucleo di Meldola conserva le mura malatestiane e la rocca (forse del sec. XI) con loggiati e corte gentilizia. In località Rocca delle Caminate è l'omonimo castello, residenza estiva di Benito Mussolini.§ L'agricoltura produce cereali, frutta e foraggi, ma soprattutto uva e ortaggi. Assai sviluppato l'allevamento bovino, ovino e avicolo. L'industria opera nei settori elettromeccanico, degli accessori per auto, dell'arredamento, della lavorazione di metalli e materie plastiche, dell'abbigliamento (maglifici) e degli apparecchi medicali.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora