Marianòpoli

Indice

comune in provincia di Caltanissetta (35 km), 720 m s.m., 12,96 km², 2362 ab. (marianopolitani), patrono: santi Prospero e Giuseppe (prima domenica di agosto).

Centro posto nella regione collinare estesa tra i fiumi Platani e Imera Meridionale. La sua origine risale al 1726, quando il barone Giuseppe Lombardo della Scala, per colonizzare il feudo di Manchi, vi fondò un piccolo borgo a pianta regolare, popolandolo con genti fatte venire dall'Albania.§ Nell'abitato si segnala la settecentesca chiesa di San Prospero, divenuta chiesa madre dedicata a Maria Santissima Addolorata; custodisce una statua lignea di San Giuseppe (fine sec. XVIII), della scuola di Gerolamo Bagnasco, e una tela coeva raffigurante la Madonna del Carmelo e anime purganti.§ L'economia si basa soprattutto sull'agricoltura (cereali, foraggi, olive, mandorle e uva), sullo sfruttamento dei boschi cedui e sull'allevamento ovino, bovino, suino ed equino. Sono attivi piccoli impianti di trasformazione dei prodotti agricoli e alcune aziende nel settore edile.§ Nei dintorni sono le aree archeologiche di Castellazzo, Balate e Valle Oscura, dove gli scavi hanno riportato alla luce tombe e resti di edifici databili dall'Età del Rame all'ellenismo e svariati reperti esposti nel Museo Archeologico, allestito nel Palazzo Comunale. A circa 8 km dall'abitato è il piccolo santuario di Castel Belici, che custodisce un crocifisso ligneo (sec. XVII), opera di fra' Innocenzo da Petralia, oggetto di una fervida devozione popolare.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora