Parabiago

Indice

comune in provincia di Milano (23 km), 184 m s.m., 14,16 km², 23.950 ab. (parabiaghesi), patrono: santi Gervasio e Protasio (19 giugno).

Centro situato fra il canale Villoresi e il fiume Olona. Già insediamento romano, appartenne all'arcivescovo di Milano per volere di Ottone il Grande (sec. X). Nel 1339 vi ebbe luogo una battaglia vinta da Luchino Visconti, che comandava le milizie di Azzone, signore di Milano, alleato del marchese di Monferrato Giovanni Paleologo, contro il cugino Lodrisio Visconti, capitano della Compagnia di San Giorgio. Fu esente da infeudazioni fino al 1658, quando entrò a far parte dei possedimenti dei Castelli. § Al Seicento appartengono la chiesa di San Michele (restaurata nel 1735) e le case Maggi e Moriggia. La parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio, del sec. XVI, fu ampliata nel Settecento; ha una facciata disegnata dal Piermarini nel 1780 e custodisce due tele di V. Campi e un prezioso altare ligneo del primo Seicento. La chiesa di Sant'Ambrogio della Vittoria fu progettata da G. B. Quadrio. Il santuario della Madonna è del sec. XVI ma fu restaurato nel 1626 (all'interno si trova un polittico attribuito a B. Luini). In frazione Ravello è la chiesa di Santa Maria della Neve, rifatta nel 1795. § L'economia si basa sull'industria, attiva nei settori calzaturiero, tessile, chimico, cartario, meccanico, dell'abbigliamento, degli elettrodomestici, della gomma sintetica, delle materie plastiche e della lavorazione del legno. L'agricoltura è rivolta alla coltivazione di cereali (mais, orzo, frumento) e foraggi. L'allevamento bovino e caprino alimenta l'attività lattiero-casearia. § Vi sono nati l'ebanista Giuseppe Maggiolini (1738-1814) e l'attrice Franca Rame (1929).

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora