Schwa

s. neutro tedesco (dall'ebraico šĕvā') usato in italiano come sm. (anche nell'adattamento scevà). Nella grammatica ebraica, il segno grafico usato per indicare mancanza di vocale o vocale ridotta. Nella linguistica indeuropea il termine è stato introdotto dal danese H. Möller per indicare un'originaria vocale ridotta indeuropea di timbro indistinto, segnata graficamente con e capovolta (∂), supposta per spiegare la corrispondenza di una i indoiranica a una a della maggior parte delle altre lingue indeuropee (sanscritopita, latino pater, da indeuropeo p∂tēr). Si sono successivamente postulati almeno tre tipi di schwa (∂₁, ∂₂, ∂₃) con un valore consonantico laringale.

Trovi questo termine anche in:

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora