ascèsso

sm. [sec. XIV; dal latino abscessus-ūs]. Raccolta di pus, circoscritta da una parete connettivale reattiva, definita impropriamente come una membrana piogenica. Si distinguono: ascessi caldi e ascessi freddi. Gli ascessi caldi sono determinati prevalentemente dai comuni batteri responsabili di infezioni (stafilococco, streptococco e, più raramente, pneumococco, ecc.); tali ascessi sono caratterizzati da un decorso rapido e doloroso, con tumefazione locale, arrossamento, calore, impotenza funzionale nella sede colpita. Complicazioni di un ascesso caldo possono essere l'insorgenza di un flemmone diffuso, la propagazione del processo infettivo a una grande cavità sierosa (peritoneo), il manifestarsi di setticemia. La terapia può essere medicamentosa (antibiotici) o chirurgica (svuotamento e successivo drenaggio). Gli ascessi freddi, oggi molto più rari rispetto al passato, di origine quasi sempre tubercolare, sono caratterizzati da decorso cronico: la sintomatologia è contraddistinta dalla mancanza di febbre e dolore e dalla formazione di una fistola che può permanere per un tempo praticamente indeterminato. La cura è prevalentemente chirurgica, essendo la raccolta isolata dalla circolazione sanguigna che non può quindi veicolare antibiotici al suo interno per la presenza della capsula.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora