scàpolo

Indice

agg. e sm. [sec. XIV; da scapolare (verbo)].

1) Anticamente, non soggetto a vincoli, libero.

2) Comunemente, libero da legami matrimoniali, celibe: quello scrittore è uno scapolo impenitente; suo zio è un vecchio scapolo. In tal senso frequente l'accr. scapolóne, scapolo piuttosto avanti negli anni; scherzoso il f. -óna, donna nubile attempata.

3) Pietra naturale o artificiale, di forma irregolare e sommariamente sbozzata, di buona aderenza con le malte, utilizzata per la costruzione di murature a secco.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora