Questo sito contribuisce alla audience di

Andreòli, Giusèppe

patriota italiano (San Possidonio di Modena 1791-Rubiera 1822). Perito agrimensore e poi prete, fu insegnante di retorica nel Collegio degli oblati a Correggio. Fu arrestato nel 1822 e condannato a morte per essere stato dal 1820 attivo membro della Carboneria. Respinta la domanda di grazia da Francesco IV, Andreoli fu ridotto allo stato laicale e decapitato, sullo stradone di Rubiera.

Media


Non sono presenti media correlati