Questo sito contribuisce alla audience di

Baranoff-Rossinè, Vladimir

pittore e scultore ucraino (Cherson, Odessa, 1888-Germania, 1944). Dopo gli inizi in Ucraina come pittore, partecipa a numerose collettive delle avanguardie russe e si afferma in Francia, dove entra nella cerchia di S. e R. Delaunay. La sua opera presenta influssi dell'avanguardia francese, con il suo studio scientifico di colori e forme, e tracce di cubismo (Autoritratto cubista, 1907; La tavola color malva, 1912, Museum Ludwig, Colonia). Celebre il suo tentativo di giungere a una personale sintesi delle arti con un “piano optofonico”, in cui la produzione di suoni era accompagnata dall'emissione di luci colorate, e che fu presentato per la prima volta nel 1924 al teatro Bolšoj di Mosca.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti