Questo sito contribuisce alla audience di

Caldési, Vincénzo

patriota (Faenza 1817-Firenze 1870). Volontario pontificio nella campagna veneta del 1848, deputato della Costituente romana e valoroso difensore della città, fu costretto a esulare a Parigi dove strinse legami con i mazziniani e prese parte ai moti del 2 dicembre 1851. Comandante della brigata Ferrara durante la II guerra d'indipendenza, partecipò in seguito alla spedizione dei Mille e alla guerra del 1866.