Questo sito contribuisce alla audience di

Capricòrno

(latino scientifico Capricornus, abbreviazione Cap). Costellazione zodiacale (simbolo ♑) attraversata dal Sole fra la metà di gennaio e la metà di febbraio "Vedi schema vol. V, pag. 404" ; "Per la costellazione del Capricorno vedi figura al lemma del 5° volume." in astrologia, invece, il segno zodiacale del Capricorno corrisponde al periodo approssimativo che va dal 21 dicembre al 19 gennaio. La costellazione è compresa fra 20h e 22h di ascensione retta e fra –10º e –30º di declinazione. Benché estesa, essa non possiede astri particolarmente luminosi. α Cap, detta dagli antichi Arabi Al-Giedi, appare sdoppiata in due stelle di magnitudine 3m,6 e 4m,2, entrambe di tipo solare; in realtà, come le misure di distanza hanno rivelato, non si tratta di un sistema fisico: la stella più luminosa, infatti, si trova a 100 anni luce dalla Terra,. L'altra è distante cinque volte di più. β Cap, o Dahib, posta a 150 anni luce dalla Terra, ha magnitudine 3m e costituisce un sistema doppio a colori contrastanti giallo e blu. Ciascuna componente risulta, a sua volta, centro di un sistema multiplo spettroscopico. δ Cap, o Deneb Al-Giedi, si trova a 50 anni luce dalla Terra e ha magnitudine 2m,8, tipo spettrale A7 e classe di luminosità V; è una binaria a eclisse: la sua compagna, 25 volte più luminosa del Sole, orbita in poco più di un giorno. Nel Capricorno si trovano gli ammassi globulari M 30 e M 75, osservabili solo con buoni telescopi, nonché la pulsar PSR 2045, con periodo di circa 2 s "Per approfondire vedi Gedea Astronomia vol. 3 pp 252-253" "Per approfondire vedi Gedea Astronomia vol. 3 pp 252-253" .