Questo sito contribuisce alla audience di

Carey, Henry Charles

economista statunitense (Filadelfia 1793-1879). Propugnò il protezionismo e fu il fondatore della “scuola nazionalista”. Interpretò acutamente la situazione americana del sec. XIX pervenendo a contestare la teoria ricardiana della rendita così come quella malthusiana della popolazione. Sostenne l'esigenza di armonizzare gli interessi dei diversi settori produttivi ed elaborò una teoria del valore fondata sulla quantità di lavoro necessaria per produrre una data merce. Partendo da questa teoria Carey dedusse che, diminuendo con il progresso tecnologico la quantità di lavoro, la quota parte spettante al lavoratore deve aumentare. Fra le sue opere: Essay on the Rate of Wages (1835; Saggio sul tasso dei salari), Principles of Political Economy (1837-40; Principi di economia politica), The Past, the Present and the Future (1848; Il passato, il presente e il futuro), Principles of Social Science (1858-59; Principi di scienza sociale).