Questo sito contribuisce alla audience di

Coróna Boreale

(latino scientifico Corona Borealis, abbreviazione CrB). "Per le stelle più luminose della costellazione vedi figura al lemma del 6° volume." Costellazione "Il disegno schematico delle stelle più luminose della costellazione è a pag. 289 del 7° volume." compresa fra 15h e 16h30´ di ascensione retta e fra +25º e +40º di declinazione. In questa costellazione, dalla caratteristica forma semicircolare, si trovano due interessanti stelle variabili: R CrB, prototipo di un gruppo di stelle variabili irregolari, caratterizzate dall'improvviso indebolimento della luminosità, dovuto probabilmente alla presenza di nubi molecolari a più elevato coefficiente di assorbimento, la cui formazione è favorita dalle basse temperature tipiche di questa classe di stelle; T CrB, nova ricorrente scoperta nel 1866 ed esplosa nuovamente nel 1946; è la prima nova studiata spettroscopicamente. La stella più brillante della Corona Boreale è Alphecca (detta anche Perla o Gemma), α CrB. Un'interessante stella doppia è ζ CrB, le cui componenti, separate di 6‟,3 d'arco, hanno magnitudine 5m,1 e 6m.