Questo sito contribuisce alla audience di

Filippo, Marco Giùlio, detto l'Àrabo

(latino Marcus Julíus Philippus), imperatore romano (Idumea 204-Verona 249). Prefetto del pretorio nel 243, partecipò alla congiura in cui fu ucciso l'imperatore Gordiano III, facendosi poi proclamare lui stesso imperatore nel 244. Conclusa frettolosamente la pace con i Persiani e vinti i Carpi sul Danubio, celebrò con solennità, nel 248, il millenario di Roma. Affrontati vari pretendenti all'impero nelle province orient., proclamò suo figlio prima Cesare poi Augusto, ma finì ucciso in battaglia a Verona per mano di Decio, da lui inviato sul confine del Danubio a ricacciare i Goti intanto dilagati nella Mesia. Fu tollerante verso i cristiani ma non si convertì alla nuova religione.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti