Questo sito contribuisce alla audience di

Gióvine Itàlia

organizzazione politica fondata a Marsiglia nel 1831 da G. Mazzini. Ispirata dal proposito di educare il popolo italiano a un ideale politico e morale di libertà, propugnò la costituzione di una repubblica indipendente e unitaria. Il programma dell'organizzazione era diffuso dall'omonimo periodico Giovine Italia, fondato dallo stesso Mazzini a Marsiglia. Ne uscirono tre quaderni nel 1832, due nel 1833 e uno nel 1834. Scoperta in Piemonte nel 1833 e indebolita dalla decisa reazione governativa e dal fallimento dei moti di Savoia nel 1834, la Giovine Italia subì una profonda crisi che si protrasse fino al 1838, quando Mazzini la riorganizzò in Gran Bretagna. Nel 1848 essa venne definitivamente sciolta e al suo posto Mazzini fondò l'Associazione Nazionale Italiana. In realtà la piega che andava assumendo il movimento risorgimentale italiano con un ruolo sempre più crescente della monarchia sabauda, lasciava margini esigui a questo tipo di organizzazioni. Anche quest'associazione ebbe dunque una vita stentata e, dopo il fallimento del moto milanese del 1853, venne soppiantata dal Partito d'Azione.

Bibliografia

S. Mastellone, Mazzini e la “Giovine Italia” (1831-1834), 2 voll., Pisa, 1960; G. Vidali, Mazzini: dalla “Giovine Italia” alla “Associazione Nazionale Italiana”, Roma, 1983.

Media


Non sono presenti media correlati