Questo sito contribuisce alla audience di

Nagorno-Karabah

provincia autonoma (4400 km²; 150.000 ab. secondo una stima del 2005; capoluogo Stepanakert) dell'Azerbaigian, estesa sul versante orientale del Piccolo Caucaso e attraversata dal fiume Terter. Agricoltura (cotone, frutta, ortaggi), allevamento e sfruttamento forestale. Industrie alimentari, tessili e dei materiali da costruzione. Dalla fine degli anni Ottanta è teatro di violenti combattimenti tra la popolazione, che è in maggioranza armena (76%) e le truppe azere. Il Nagorno-Karabah rivendica la riunione con l'Armenia e alla fine del 1991 ha proclamato unilateralmente l'indipendenza dall'Azerbaigian con un referendum popolare. Il futuro di questa regione appare ancora incerto. All'indomani della proclamazione d'indipendenza sono sorti scontri tra Azeri e indipendentisti armeni del Nagorno-Karabah: malgrado un accordo sottoscritto a Mosca nel settembre 1993, gli Armeni hanno continuato l'offensiva per ampliare e rendere più sicuro il corridoio di Lachin che collega il Nagorno-Karabah all'Armenia. Nel 1994, sporadici combattimenti si sono alternati ad altrettanto sporadiche tregue, senza che la situazione subisse sostanziali modifiche. Benché questa regione sia ormai fisicamente collegata all'Armenia, grazie alla conquista dei territori che dividono l'enclave, il Nagorno-Karabah ha continuato a considerarsi un'entità indipendente da Jerevan, al punto che, nell'aprile 1995, è stato rinnovato il parlamento del neocostituito Stato. Alla fine del 1997 l'Arzebaigian, in seguito a un accordo con l'Armenia, ha concesso alla provincia la sua autonomia. Nel dicembre 2006 la popolazione ha votato, mediante un referendum, a favore di una nuova Costituzione che definisce la provincia "uno stato di diritto, sovrano e democratico". Nel luglio 2007 nella regione indipendentista controllata dall'Armenia (ma legalmente appartenente all'Azerbaigian) si sono svolte le elezioni presidenziali che hanno visto la vittoria dell'ex capo delle forze di sicurezza della regione, Bako Sahakyan. Nel novembre 2008 i presidenti di Armenia e Azerbaigian si impegnavano a trovare una soluzione pacifica del conflitto. Nel 2010 si svolgevano le elezioni legislative, vinte dal partito Patria Libera. § Il Nagorno-Karabah conserva numerosi e importanti monumenti architettonici cristiani (chiese e conventi) che coprono il periodo dal sec. V (Moxrenis, Amaras, Ciceṙnavankʽ) a tutto il sec. XIX, nonché alcuni edifici di culto musulmani (soprattutto a Shusha).

Media


Non sono presenti media correlati