Questo sito contribuisce alla audience di

Nardi, Jàcopo

scrittore e storico italiano (Firenze 1476-Venezia 1563). Fiero repubblicano, seguace di Savonarola e avversario dei Medici, dopo il ritorno di questi, costretto ad abbandonare la politica, frequentò i famosi Orti Oricellari. Durante la repubblica che seguì i tumulti del 1527 fu cancelliere delle Tratte, ma col ritorno dei Medici, costretto all'esilio, dopo alcune peregrinazioni si stabilì a Venezia. Tradusse Ab Urbe condita di Tito Livio e compose commedie e canti carnascialeschi ma la sua opera principale sono le Istorie della città di Firenze dal 1496 al 1538 (postuma, 1582, 10 vol.), che termina in realtà col 1512.

Media


Non sono presenti media correlati