Questo sito contribuisce alla audience di

Pivétti, Irène

donna politica italiana (Milano 1963). Giornalista, militante della Lega Lombarda, all'interno della quale è stata responsabile della Consulta Cattolica, venne eletta per la prima volta in Parlamento nel 1992. Confermata nelle elezioni politiche del 1994, il 16 aprile divenne la più giovane presidente della Camera dei Deputati, ruolo che ricopriva, manifestando anche una certa energia, sino alla scadenza della legislatura (1996). Rieletta deputato nelle liste della Lega Nord, la Pivetti prendeva le distanze dal leader leghista U. Bossi quando questi accentuava una posizione più decisamente secessionista e ciò le costava anche l'allontanamento dal partito. Rimasta comunque una convinta federalista, la Pivetti tentava di farsi promotrice di un'aggregazione di forze moderate e centriste, un ambizioso disegno che, però, ancora nel 1997 non riusciva a decollare. Nel 1998 partecipava all'Unione Democratica per la Repubblica (UDR) sorta per iniziativa di F. Cossiga e infine aderiva, divenendone presidente, all'Unione Democratici per l'Europa (UDEUR). Negli ultimi anni ha condotto alcune trasmissioni televisive: Bisturi (2004) e Tempi moderni (2006-2007).