Questo sito contribuisce alla audience di

Redènti, Enrico

giurista italiano (Parma 1883-Bologna 1963). Insegnò diritto civile a Parma e a Bologna ed esercitò con successo l'avvocatura. Fu socio dell'Accademia dei Lincei e fondatore e direttore della Rivista di diritto e procedura civile. Fondandosi sul metodo deduttivo, nella nozione giuridica partì sempre dai singoli casi dell'esperienza e a essa ritornò costantemente per cercare la convalida ai principi assunti. Opere: Il giudizio civile con pluralità di parti (1911), Profili pratici del diritto processuale civile (1938), Legittimità delle leggi e Corte costituzionale (1957).

Media


Non sono presenti media correlati