Questo sito contribuisce alla audience di

Ruggièri

arcivescovo di Pisa (m. 1295). Fazioso ghibellino, spiegò uno zelo degno di miglior causa per abbattere il governo filoguelfo della città, in mano a Nino Visconti e a Ugolino della Gherardesca, riuscendo a far cacciare il Visconti e a far imprigionare Ugolino della Gherardesca con i suoi familiari, lasciandoli morire di fame. Governò allora la città, ma per breve tempo e senza lode. Il suo delitto è narrato con rara e potente efficacia nel canto XXXIII dell'Inferno dantesco.

Media


Non sono presenti media correlati