Questo sito contribuisce alla audience di

Sèttimo, Ruggièro

uomo politico (Palermo 1778-Malta 1863). Ufficiale della flotta borbonica (1791), partecipò a varie azioni di guerra contro i Francesi. Ministro della Marina (1812-13) e poi della Guerra (1813-14), si ritirò a vita privata nel 1815 quando Ferdinando IV soppresse le garanzie costituzionali precedentemente concesse ai Siciliani. Durante la rivoluzione autonomistica del 1820 fu membro della giunta provvisoria dell'isola e nel 1848, nominato capo del governo provvisorio dagli insorti, dopo aver fatto approvare la decadenza dei Borboni dal trono di Sicilia, propose di offrirne la corona a un principe di casa Savoia. Esule a Malta dopo la restaurazione, a causa delle cattive condizioni di salute non ritornò in patria nemmeno dopo la spedizione dei Mille. Nel 1861 fu nominato senatore del Regno d'Italia.