Questo sito contribuisce alla audience di

Sòcci, Èttore

giornalista e uomo politico italiano (Pisa 1846-Firenze 1905). Volontario delle campagne garibaldine nel Trentino, nell'Agro Romano e nei Vosgi, si diede poi al giornalismo e alla propaganda repubblicana. Processato e condannato a due anni di prigione (1875), nel 1892 diventò deputato alla Camera, come rappresentante del collegio di Grosseto. Socci fu direttore del Fascio della democrazia e de L'Italia di Roma, collaborò alla pubblicazione delle opere di G. Mazzini e scrisse numerosi romanzi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti