Questo sito contribuisce alla audience di

Scaruffi, Gàsparo

economista italiano (Reggio nell'Emilia 1519-1584). Mercante e banchiere, saggiatore alla zecca di Reggio, fu chiamato nel 1575 a Ferrara, dal duca Alfonso II, quale esperto in vista del risanamento della circolazione monetaria. Scrisse a tale scopo una monografia dal titolo: Alitinonfo (dal greco: vera luce) per fare ragione et concordanza d'oro e d'argento che servirà in universale per provvedere agli infiniti abusi del tosare e guastare monete (1582) dove, dimostrando una certa modernità di pensiero, proponeva l'adozione sul piano internazionale di un sistema bimetallico (oro e argento in rapporto 1:12), con un'unità monetaria emessa da un'autorità internazionale.

Media


Non sono presenti media correlati