Questo sito contribuisce alla audience di

antracite

sf. [sec. XIX; dal greco ánthrax-akos, carbone]. Carbone fossile, solitamente di età paleozoica, ultimo termine del processo di carbonizzazione. Si presenta in masse dure e compatte di colore nero-grigiastro con lucentezza brillante quasi metallica, a frattura concoide e di densità variabile da 1,3 a 1,7 a seconda del residuo secco. L'antracite ha un contenuto medio in carbonio del 95% ed è molto povera di sostanze volatili; quindi si accende con difficoltà, bruciando poi bene, e senza produrre fumi, con fiamma cortissima e poco luminosa, solo con aria in eccesso. Per distillazione secca si ottiene un coke polverulento, inadatto per usi industriali. Per il notevole potere calorifico, superiore alle 8000 kcal/kg se il tenore in residuo secco è molto basso, le antraciti sono un eccellente combustibile per focolari a forte tiraggio e per stufe a fuoco continuo. Cina e Stati Uniti sono i principali produttori mondiali; in Italia modesti giacimenti sono coltivati a La Thuile, in Val d'Aosta, e a Seui, in Sardegna.

Media


Non sono presenti media correlati