Questo sito contribuisce alla audience di

binàrio (aggettivo)

Guarda l'indice

Lessico

agg. [sec. XV; dal latino tardo binarĭus, da bini, due per volta].

1) Che è composto di due unità, di due parti, generalmente con caratteri comuni.

2) In astronomia, sistema di due stelle abbastanza vicine da essere soggette a mutua attrazione gravitazionale (stella).

3) In metallurgia, è detta lega binaria una lega a due componenti.

4) In cristallografia, uno dei possibili assi di simmetria di un cristallo.

5) In informatica, numerazione binaria è un sistema di numerazione particolarmente usata nei calcolatori elettronici.

Informatica

Nella numerazione binaria il numero decimale è rappresentato da una sequenza di cifre 0 e 1. Ogni cifra, detta bit, è associata a una potenza di 2, partendo da destra della potenza 20=1. La somma delle potenze di 2 corrispondenti alle posizioni in cui compare la cifra 1 deve ricostruire il valore originale. In particolare, la cifra più a destra indica se il numero è pari, nel qual caso essa vale 0, oppure dispari. La prima cifra 1 a sinistra compare in corrispondenza dell'ultima potenza di 2 che ha valore inferiore al numero in considerazione. Per esempio, il numero, in base 10,35 è rappresentato dal vettorebinario 100011. Negli elaboratori elettronici ogni valore decimale è codificato con lo stesso numero di cifre, così che un vettore binario può anche iniziare con degli 0. In genere il primo bit, anziché rappresentare una potenza di 2 è usato per codificare il segno del numero, 1 per numeri negativi e 0 per quelli positivi. Lo stesso principio viene usato per codificare anche numeri razionali. In particolare, si usano come forme di codifica per questi numeri, l'esponenziale, in cui un certo numero di cifre è usato per codificare la mantissa e le restanti codificano l'esponente e quella a virgola fissa, che associa alle cifre più a destra le potenze negative di due, cioè le frazioni come ½, ¼, ecc.

Matematica

1) Operazione binaria su un insieme A: è una legge che associa a ogni coppia (a, b) di elementi dell'insieme A un elemento dell'insieme A stesso. Tale è, per esempio, l'operazione di moltiplicazione tra i numeri reali. Essa, infatti, associa alla coppia (a, b) di numeri reali il loro prodotto a·b, che è un numero reale. Un'operazione binaria su un insieme A si dice anche legge di composizione interna in A.

2) Relazione binaria su un insieme A: è una legge che si stabilisce tra gli elementi dell'insieme A che permette di dire se due elementi a e b di A siano o meno in relazione tra di loro. Consideriamo, per esempio, l'insieme degli uomini. Una relazione binaria in tale insieme è la parentela di primo grado. Dati due uomini, siamo infatti in grado di dire se essi siano o non siano parenti. Un'altra relazione binaria in tale insieme è l'avere o meno lo stesso cognome. Quest'ultima relazione è differente dalla relazione di parentela. Infatti due uomini aventi lo stesso cognome non sono necessariamente parenti di primo grado. Particolari relazioni binarie sono le relazioni di equivalenza. Tale è la relazione di avere lo stesso cognome. La relazione di parentela non è invece di equivalenza.

3) Forma binaria: è un polinomio omogeneo in due variabili.

Media


Non sono presenti media correlati