Questo sito contribuisce alla audience di

cognazióne

sf. lett. [sec. XIV; dal latino cognatío-ōnis].

1) Vincolo di parentela; anche fig.: “cognazione d'affetti” (C. E. Gadda). In particolare, in diritto, cognazione legale, vedi adozione; in diritto canonico, cognazione spirituale, il vincolo di parentela spirituale che il battesimo validamente conferito (privato o solenne) fa sorgere tra il battezzante o il padrino e il battezzato. Tale vincolo determina un impedimento dirimente al matrimonio canonico e per toglierlo occorre la dispensa della Chiesa.

2) Ant., casata, stirpe.§ La parentela di sangue: i figli legittimi sono cognati dei loro genitori e di quanti sono nati nella medesima famiglia e sono sottoposti alla potestà del medesimo pater. Anche gliemancipati sono cognati. La donna sposata e l'adottato rimangono cognati con gli appartenenti alla famiglia in cui sono nati, della quale divengono poi cognati anche i figli della donna. La cognazione si suddivide in: civilis, il vincolo che lega, oltre gli adgnati, l'adottante all'adottato; e naturalis, il rapporto tra il figlio illegittimo, la madre e i suoi cognati; in quest'ultimo caso la cognazione impedisce il matrimonio tra liberi per vincoli di discendenza o di consanguineità sorti quando uno o entrambi erano schiavi (cognazione servilis). Più tardi la cognazione, a opera del pretore e poi del principe, divenne il fondamento della chiamata alla successione legittima e alla tutela.

Media


Non sono presenti media correlati