Questo sito contribuisce alla audience di

distanza (diritto)

con il termine distanza si indicano limiti che la legge pone all'esercizio del diritto di proprietà in materia di costruzioni, piantagioni, luci, vedute, ecc. Distanza per le costruzioni: la distanza minima assoluta tra nuovi edifici è di m 10 tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti; la misura del distacco si effettua sulla retta orizzontale che individua la distanza minima, compresi i balconi, esclusi cornicioni o gronde sporgenti meno di 70 cm (D.M. 2 aprile 1968, n. 1444). I regolamenti comunali possono, peraltro, fissare anche un limite maggiore. Distanza per le piantagioni: gli alberi di alto fusto debbono essere tenuti ad almeno 3 m dal confine; a 1,5 m debbono stare gli alberi il cui tronco sia di altezza fino a tre metri. Gli arbusti, le viti, le siepi debbono distare almeno 0,5 m dal confine. Distanza per le vedute: per aprire vedute (finestre, balconi, terrazze) occorre che vi sia la distanza minima di almeno 1,5 m dal confine del fondo più vicino. Pozzi, cisterne e buche possono essere aperti a distanza non inferiore a 2 m dal confine.