Questo sito contribuisce alla audience di

euclàsio

sm. [da eu-+greco clasis, rottura, in riferimento alla perfetta sfaldatura]. Minerale, subnesosilicato di alluminio e berillio, di formula AlBe[OH|SiO4], cristallizzato nella classe prismatica del sistema monoclino. Può contenere fluoro in sostituzione di piccole quantità di OH. Si rinviene in cristalli prismatici allungati con terminazioni ricche di facce, caratterizzate da una tipica striatura verticale. Si sfalda con facilità parallelamente al piano di simmetria del cristallo e presenta viva lucentezza vitrea. In genere l'euclasio è trasparente e incolore, ma esistono anche cristalli colorati in azzurro pallido, verde chiaro, verde smeraldo o blu-indaco. È un minerale di genesi pneumatolitica presente nelle rocce pegmatitiche, nei graniti e negli scisti cristallini. I cristalli più belli sono ricercati come gemme. L'euclasio è stato rinvenuto in diverse località del Minas Gerais, in Brasile, in Tanzania, in Colombia, nelle alluvioni del fiume Sanarka negli Urali, negli Alti Tauri in Austria e nelle pegmatiti della Valle Aurina in Alto Adige.