Questo sito contribuisce alla audience di

hockey

Guarda l'indice

Lessico

s. inglese usato in italiano come sm. Sport a squadre che si gioca in tre versioni (su prato, su ghiaccio e su pista) e che consiste nel lanciare con particolari bastoni una palla (un disco nell'hockey su ghiaccio) nella porta della squadra avversaria.

L'hockey su prato

Di origini antichissime, fu probabilmente praticato già dai Persiani nel II millennio a. C., dai Greci ai tempi di Temistocle e dagli Aztechi. In tempi recenti era assai diffuso in Scozia e uno schema di regolamento definitivo, valido ancora oggi, venne redatto nel 1883 a Londra dal Wimbledon Hockey Club. Pochi anni dopo divenne lo sport nazionale delle donne britanniche che lo introdussero in Canada e negli Stati Uniti. Nel 1907 furono fondate in Italia le prime squadre (a Venezia e a Palermo) e nel 1908 l'hockey su prato venne incluso nel programma olimpico. Il gioco dipende ed è regolato dalla Federazione Italiana di Hockey e Pattinaggio, costituita contemporaneamente a quella europea nel 1924. Il gioco si svolge su un terreno erboso di 91,40 x 55 m; al centro dei lati più corti sono collocate le porte alte 2,14 m e larghe 3,66 m. La palla (di legno ricoperto di cuoio bianco con una circonferenza di 23 cm e del peso di 150-160 g) è giocata con un bastone di legno incurvato a spatola, nella parte terminale, con un lato piatto e uno arrotondato. Il gioco si svolge tra due squadre di 11 giocatori che si contendono la palla, colpendola con il bastone, ma solo con il lato piatto, per inviarla nella rete avversaria . La partita è di due tempi di 35 minuti.

L'hockey su ghiaccio

Derivato dal bandy che si praticava in Inghilterra già nel sec. XVIII, venne giocato, nella versione moderna, per la prima volta in Canada, dove fu codificato nel 1870 e definitivamente regolamentato nel 1900. Nel 1908 fu costituita la Lega Internazionale Hockey su Ghiaccio e nel 1920 il gioco venne incluso nel programma olimpico. In Italia si incominciò ad avere incontri di un certo interesse solo dopo la costruzione del “palazzo del ghiaccio” di Milano (1924); l'hockey è stato regolamentato dalla Federazione Italiana Sport del Ghiaccio. Le misure standard della pista sono 30 x 60 m con gli angoli arrotondati. Il ghiaccio è circondato da una parete di plastica o di legno (balaustra), alta 1,22 metri circa. Due porte larghe 1,83 m e alte 1,22 m sono al centro della goal line e collocate a quattro metri dalla balaustra alle loro spalle, quindi i giocatori possono pattinare dietro di esse. Nelle competizioni maschili le squadre sono formate da un massimo di 20 giocatori più tre portieri, in quelle femminili da un massimo di 18 giocatrici più due portieri.Una squadra non può avere più di sei giocatori sul ghiaccio durante lo svolgimento del gioco, mentre gli altri fungono da riserve per le frequenti sostituzioni imposte dalla velocità e dalla durezza del gioco. I giocatori indossano caschi di protezione e divise imbottite, pattini da ghiaccio e sono muniti di bastoni di legno a forma di L, con apertura ad angolo ottuso con i quali manovrano un piccolo disco; il segmento minore ha facce piane non più alte di 7,5 cm (11,5 per il portiere) e lunghe non più di 37 cm. Il disco deve essere lanciato solo con il bastone ma può essere fermato anche con i piedi; nessun limite è posto al portiere. Il disco è di gomma dura (puck), con diametro di 7,62 cm, spessore di 2,24 cm e peso tra i 156 e i 170 g. Il gioco, diretto da tre arbitri (l'arbitro principale è affiancato da due colleghi con funzioni di guardalinee), inizia nel cerchio del centrocampo con un “ingaggio”, cioè col lancio del disco, da parte dell'arbitro, fra i due centravanti. Nelle punizioni per infrazioni è prevista l'espulsione temporanea dei giocatori che, per la durata della penalizzazione, non possono essere sostituiti. La partita consta di tre tempi di 20 minuti ciascuno.

L'hockey su pista o a rotelle

Derivato dall'hockey su ghiaccio, fu giocato per la prima volta in Inghilterra nel 1877. In Italia è praticato dal 1912 e dal 1922 sono disputati regolari campionati nazionali. Il campo consiste in una pista rettangolare lunga da 30 a 40 m e larga da 15 a 20 m, dai vertici arrotondati e dal fondo duro e uniforme. Parallele alle linee di fondo sono fissate le porte dietro alle quali il gioco può proseguire (le porte misurano 1,25 x 0,92 m). La palla, di sughero e gomma pressati, misura 23 cm di circonferenza e pesa 155 g; i bastoni, di forma analoga a quelli per l'hockey su ghiaccio, sono di legno e sono lunghi da 90 a 115 cm. I giocatori calzano pattini a rotelle. Il gioco si svolge fra due squadre di 5 giocatori (portiere, terzino, centrocampista e due ali) e la palla deve essere colpita solamente con la parte ricurva del bastone anche se può essere fermata con qualsiasi parte del corpo, fatta eccezione per le braccia e le mani che possono essere usate solamente dal portiere. La partita consta di due tempi di 25 minuti di gioco effettivo.

Media


Non sono presenti media correlati