Questo sito contribuisce alla audience di

kakemono

s. giapponese usato in italiano come sm. Rotolo giapponese, destinato ad accogliere pittura o calligrafia, da appendere al muro in senso verticale. La sua origine è antichissima ed esso si sviluppò nell'ambito delle scritture buddhistiche come commento illustrativo; successivamente si definì come illustrazione autonoma, con o senza scritture. Eseguito su seta o su carta, il kakemono veniva montato su stoffa pregiata, in genere seta, broccato d'oro o d'argento. Le caratteristiche della montatura sul supporto corrispondono a regole precise di proporzioni e di spazi, secondo le quali si distinguono precisi stili che hanno caratterizzato l'evolversi del kakemono attraverso i secoli.

Media


Non sono presenti media correlati