Cológno Monzése

Indice

comune in provincia di Milano (10 km), 131 m s.m., 8,45 km², 47.573 ab. secondo una stima del 2007 (colognesi), patrono: sant’ Ambrogio (7 dicembre).

Cittadina situata nella pianura tra il fiume Lambro e il Naviglio della Martesana. Fu forse stazione di posta sulla strada tra Milano e Gorgonzola (sec. IV) e nota col nome di Colonia; in epoca longobarda una parte del suo territorio appartenne al monastero di Sant'Ambrogio di Milano. Partecipò alle lotte dei comuni lombardi contro l'imperatore Federico Barbarossa, che la distrusse nel 1162; seguì poi le vicende del ducato milanese. § L'abitato conserva vari monumenti, tra cui l'ex parrocchiale dei Santi Marco e Gregorio (del 1578 ma ricostruita alla fine del sec. XVIII) e la settecentesca villa Casati che, edificata su una precedente casa-forte e ora sede del Comune, conserva all'interno notevoli decorazioni realizzate in quattro diverse fasi. Notevoli anche la villa Sormani, risalente al Medioevo, e l'adiacente casa Buraga o Arosio (sec. XVI). Nella frazione San Giuliano sorge l'omonima pieve romanica. Nel territorio si trovano tombe isolate della media Età del Bronzo. § La vicinanza con Milano ha favorito la localizzazione di centri direzionali e sedi di attività del terziario avanzato. L'industria è attiva nei settori chimico (vernici e cosmetici), petrolchimico, meccanico, cartario, grafico-editoriale, alimentare, della lavorazione della gomma e delle materie plastiche. L'agricoltura produce cereali e foraggi per l'allevamento bovino.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora