Morimóndo

Indice

comune in provincia di Milano (29 km), 109 m s.m., 26,27 km², 1134 ab. (morimondesi), patrono: san Bernardo (quarta domenica di agosto).

Centro situato nella pianura irrigua compresa tra il fiume Ticino e il Naviglio di Bereguardo. Trae il nome (fino al 1871 si chiamò Coronate) dall'omonima abbazia, fondata nel 1136 da un gruppo di cistercensi francesi provenienti da Morimond. I monaci bonificarono le terre incluse fra Abbiategrasso e Besate e costituirono uno scriptorium che realizzò codici di gran pregio, oggi in numerose collezioni europee e statunitensi. Al centro delle lotte fra Milano e Pavia, nel corso del sec. XIII fu più volte devastato e nel 1237 quasi completamente distrutto dalle forze pavesi. Ridottosi il numero dei monaci a una decina, il monastero fu affidato in commenda a Giovanni Visconti arcivescovo di Milano. Nel 1556 Pio IV lo privò del titolo di abbazia e ne assegnò i beni all'Ospedale Maggiore del capoluogo lombardo. L'8 aprile 1798 venne soppresso e trasformato in parrocchia. § L'abitato, composto di case coloniche, è noto soprattutto per l'abbazia, la cui chiesa di Santa Maria, iniziata nel 1182 e terminata nel 1296, è un interessante esempio di architettura cistercense. L'ingresso è preceduto da un pronao settecentesco. La facciata è adorna di piatti in maiolica e di un bel rosone ed è alleggerita da bifore. L'interno, a tre navate e caratterizzato da volte a crociera con costoloni in cotto sul fondo chiaro delle pareti, conserva materiale di epoca romana reimpiegato, un affresco attribuito a B. Luini (Madonna col Bambino e san Giovannino tra san Bernardo e san Benedetto), due tele di D. Crespi e un coro ligneo intarsiato di Francesco Giramo (1522). § L'economia si basa sull'agricoltura, con coltivazioni di cereali, ortaggi, alberi da frutto e foraggi; si pratica l'allevamento bovino. È attiva l'industria metalmeccanica.

Quiz

Mettiti alla prova!

Testa la tua conoscenza e quella dei tuoi amici.

Fai il quiz ora