Vittorio Alfieri

In sintesi

Le opereNel 1777 compone il trattato Della tirannide; fra il 1777 e il 1779 cura la stesura del trattato Del principe e delle lettere, le Rime e la Vita; nel 1783 a Siena stampa i primi due volumi delle sue tragedie, ripubblicate in sei volumi a Parigi fra il 1787 e 1789.
PoeticaAlla base della scelta letteraria della tragedia c'è il rifiuto di tutto ciò che limiti l'individuo, prima di tutto la società assolutistica dell'antico regime. Il classicismo alfieriano non è mai gusto neoclassico: indifferente a una visione estetico-formale, il suo classicismo è la ricerca spasmodica di un modello di rigore morale, tanto assoluto quanto "impossibile".