Questo sito contribuisce alla audience di

Čuchraj, Grigorij Naumovič

regista cinematografico sovietico (Melitopol, Ucraina, 1921-Mosca 2001). Col trittico Il quarantunesimo (1957), Ballata di un soldato (1959) e Cieli puliti (1961), è stato il regista internazionalmente più noto del disgelo chrusceviano, trasfondendo sullo schermo un profondo umanesimo, una schietta carica romantica e una scottante esperienza di vita. Caduto in disgrazia dopo le dimissioni di Chruščëv (1964), Čuchraj ha continuato a realizzare ancora film, che però non hanno ottenuto il successo dei precedenti; tra questi si ricordano: Memoria (1970), Palude (1977), La vita è bella (1979). Il figlio Pavel (Mosca 1946) ha seguito le sue orme, ottenendo la notorietà con Il ladro, presentato alla Mostra del cinema di Venezia nel 1997.

Media


Non sono presenti media correlati