Questo sito contribuisce alla audience di

Šiškov, Aleksandr Semenovič

scrittore e uomo di stato russo (1754-Pietroburgo 1841). Ufficiale di marina, raggiunse il grado di ammiraglio, ma lasciò la carriera per l'attività letteraria e politica. Presidente dell'Accademia russa, conservatore e nazionalista a oltranza, alto funzionario dello Stato (fu anche ministro della Pubblica Istruzione tra il 1824 e il 1828), con le sue Considerazioni sul vecchio e nuovo stile della lingua russa (1803), contribuì incisivamente alla polemica sul cosiddetto nuovo stile iniziata da N. M. Karamzin. Siskov sostenne la conservazione dell'uso dello slavo ecclesiastico come base della lingua letteraria russa.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti