Questo sito contribuisce alla audience di

ASL

sigla di Azienda Sanitaria Locale, nuova denominazione dell'USL, struttura di base del sistema sanitario nazionale. Disciplinate dal decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni e riformate, tra gli altri, dai decreti legislativi 19 giugno 1999, n. 229, e 28 luglio 2000, n. 254, le unità sanitarie locali, per il perseguimento dei loro fini istituzionali, si sono costituite in aziende con personalità giuridica pubblica e autonomia imprenditoriale; la loro organizzazione e funzionamento sono disciplinati con atto aziendale di diritto privato, il quale individua le strutture operative dotate di autonomia gestionale o tecnico-professionale, soggette a rendicontazione analitica. Le ASL devono informare la loro attività a criteri di efficacia, efficienza ed economicità, sono tenute al rispetto del vincolo del bilancio, da realizzare attraverso il mantenimento dell'equilibrio di costi e ricavi, e agiscono mediante atti di diritto privato. Sono organi delle ASL il direttore generale e il collegio sindacale. Il direttore generale è il responsabile della gestione complessiva dell'azienda, nomina i responsabili delle strutture operative della stessa ed è coadiuvato nell'esercizio delle proprie funzioni dal direttore amministrativo e dal direttore sanitario. Sono cause di ineleggibilità a direttore generale delle ASL, tra le altre, il ricoprire la carica di membro dei consigli e delle assemblee delle regioni e del Parlamento. Il rapporto di lavoro del direttore generale, del direttore amministrativo e del direttore sanitario è esclusivo, è regolato da un contratto di diritto privato, di durata da tre a cinque anni, ed è rinnovabile.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti