Questo sito contribuisce alla audience di

Abū l-Wafāʼ

matematico e astronomo persiano musulmano (Buzadjān 939 ca.- Baghdad 997 o 998). Vissuto a Baghdad nel periodo più fecondo della cultura scientifica araba, svolse un importante ruolo sia come traduttore di opere greche, sia come compilatore di trattati originali in cui fuse il pensiero scientifico greco e alessandrino con quello persiano e indiano. I suoi più notevoli contributi originali riguardano la trigonometria (tabulazione e applicazione delle funzioni tangente e cotangente alle rilevazioni astronomiche) e l'astronomia. Gli si deve inoltre una rielaborazione dell'Almagesto di Tolomeo in cui espone alcune particolarità circa il moto della Luna sconosciute all'astronomo alessandrino.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti