Questo sito contribuisce alla audience di

Ariòsti, Ottàvio

(al sec. Attìlio Malachìa), compositore, organista e violista italiano (Bologna 1666-forse Spagna ca. 1740). Religioso servita dal 1688, fu organista a Bologna (1693), quindi, dedicatosi alla composizione di musica teatrale, fu attivo a Mantova, Berlino (1698-1703) e Vienna, da dove fu espulso per cattiva condotta (1711). Nel periodo 1716-28 fu sicuramente a Londra, poi se ne perdono le tracce. L'importanza storica dell'Ariosti sta soprattutto nelle Six cantatas and six lessons per viola d'amore (ca. 1728), interessanti per modernità di concezione e per bellezza melodica e armonica. Meno significativa è la produzione teatrale.

Collegamenti