Questo sito contribuisce alla audience di

Auriga

(latino scientifico Auriga, abbreviazione Aur), costellazione boreale, chiamata anche, seppure meno frequentemente, Cocchiere; è compresa fra 5h e 8h di ascensione retta e fra +30º e +50º di declinazione "Lo schema della costellazioneè a pag. 140 del 3° volume." . "Per lo schema della costellazione vedi il lemma del 3° volume." La sua stella più luminosa è α Aur, o Capella; accanto a essa vi sono ε e ζ Auriga, che sono due stelle fra le più interessanti dal punto di vista astrofisico: ε Aur è una stella doppia spettroscopica di cui la componente primaria è la più grande stella conosciuta, avendo un diametro migliaia di volte superiore a quello del Sole, mentre la sua compagna è una stella invisibile per la quale è stato recentemente coniato il termine collapsar, in riferimento alla sua probabile natura di stella che ha subito un collasso gravitazionale. ζ Aur è invece una binaria nella quale la stella principale, di tipo spettrale B8, viene, durante le eclissi, progressivamente oscurata dalla tenue atmosfera della compagna, supergigante di tipo K5: le variazioni spettrali conseguenti hanno permesso di stabilire la struttura dell'atmosfera della stella. In Auriga si osserva anche la variabile RW Aur, prototipo di una classe di stelle molto giovani. Nella costellazione dell'Auriga vi sono anche famosi ammassi, quali M36, M37 e M38, tutti del tipo aperto "Per approfondire Vedi Gedea Astronomia vol. 2 pp 252-253" "Per approfondire Vedi Gedea Astronomia vol. 2 pp 252-253" .