Questo sito contribuisce alla audience di

Bethlen, Istvan

conte e statista ungherese (Gernyeszeg, Transilvania, 1874-? 1947). Deputato sin dal 1901, particolarmente impegnato nella lotta contro la politica di espansione romena nella Transilvania e in favore dell'estensione del diritto al voto, dopo la guerra organizzò la ripresa politica, quale presidente del Consiglio dei ministri tra il 1921 e il 1931. Fu tra i fondatori della rivista Magyar Szemle (1927-44), che raggruppava attorno a sé i migliori intellettuali progressisti del periodo. Durante la seconda guerra mondiale si adoperò per concludere una pace separata con gli Inglesi. Fu deportato nell'Unione Sovietica dove morì.

Media


Non sono presenti media correlati