Questo sito contribuisce alla audience di

Borrassá, Lluis

pittore catalano (Gerona ca. 1360-Barcellona 1426). Tra i più validi artisti della scuola locale, Borrassá fu interprete colto e originale, per viva sensibilità cromatica e gusto naturalistico, della corrente del gotico internazionale. Nella sua opera, l'eleganza dei ritmi compositivi e lineari, rivelatori di quelle ascendenze senesi che avevano alimentato la scuola di Pedro e Jaime Serra, di cui forse fu allievo, si fonde con più recenti influssi francesi e nordici. Tra le opere principali di Borrassá si ricordano: il polittico di Guardiola (1405; Barcellona, Collezione Soller y March), il polittico di S. Pietro a Tarrasa (1412), il dossale di S. Chiara (1414) e il polittico di S. Andrea di Gurb (Vich, Museo Diocesano), il polittico della Vergine (Tarragona, Museo); in altre numerose pale, il problema attributivo si fa più complesso per la collaborazione dello schiavo Lluch che, tornato libero, assunse il nome di Borrassá.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti