Questo sito contribuisce alla audience di

Caramànico, Francésco Marìa Venànzio d'Aquino, prìncipe di-

diplomatico e amministratore (Napoli 1738-Palermo 1795). Favorito della regina Maria Carolina, nel 1780 fu inviato in Francia come ambasciatore e dal 1786 al 1794 fu viceré di Sicilia. Illuminista come il Caracciolo al quale era succeduto, ma più cauto, continuò nella sua politica riformatrice tentando di rompere la compattezza dei baroni, alcuni dei quali attirò dalla sua parte.