Questo sito contribuisce alla audience di

Cassirer, Ernst

filosofo tedesco (Breslavia 1874-New York 1945). Professore di storia della filosofia a Berlino e ad Amburgo, insegnò poi a Göteborg, in Svezia, e dal 1940 negli Stati Uniti, all'Università di Yale. Interessato al problema della conoscenza, Cassirer ricerca in ogni forma del reale la possibilità dell'oggettivazione e la capacità di ordine che nel campo della conoscenza scientifica ci sono permesse dal valore operativo della funzione. Approfondisce così la portata delle categorie kantiane, riconoscendo nel simbolo lo strumento della determinazione concettuale che permette di venire a capo di ogni espressione dello spirito umano. Non solo quindi la conoscenza scientifica, ma anche la storia, l'arte, il mito, il linguaggio si presentano come forme simboliche. Esse sono l'espressione di un'attività libera, ma oggettivabile dell'intelletto umano, in quanto risultato della funzione unificante del simbolo che, pur operando con principi categoriali identici (spazio, tempo, causalità), li usa con diversa modalità. Opere principali: Das Erkenntnis Problem in der Philosophie neueren Zeit (1904-20; Il problema della conoscenza nella filosofia moderna), Substanzbegriff und Funktionsbegriff (1910; Concetto di sostanza e concetto di funzione), Philosophie der symbolischen Formen (1923-29; Filosofia delle forme simboliche).

Autori Vari, The Philosophy of Ernst Cassirer (a cura di P. A. Schilpp), Evanston (Illinois), 1949; G. De Toni, Cassirer da Bacone a Kant, in “Aut Aut”, pagg. 512-521, 1954; L. Geymonat, Storia del pensiero filosofico e scientifico, vol. VI, Milano, 1972.

Collegamenti