Questo sito contribuisce alla audience di

Castelli, Juan José

patriota argentino (Buenos Aires 1764-1812). Laureato in legge, contribuì efficacemente alla causa dell'indipendenza dell'America Meridionale, che appoggiò anche con brillanti tesi giuridiche presentate al Cabildo abierto di Buenos Aires nel 1810. Dopo la deposizione del viceré Cisneros, che lui stesso aveva notificato, fece parte della giunta provvisoria che governò il vicereame. Nominato capo dell'esercito rivoluzionario inviato nell'Alto Perú, fu corresponsabile della perdita della regione (per l'esitazione che consentì al generale spagnolo Goyeneche di riorganizzarsi).

Collegamenti