Questo sito contribuisce alla audience di

Charnia

nome generico di resti fossili rinvenuti in strati precambriani della Gran Bretagna e dell'Australia attribuiti a un'alga bruna simile alle attuali laminarie. Si tratta di impronte lunghe da 10 a 25 cm e larghe ca. 5 cm di forma lanceolata, composte da segmenti, obliqui rispetto all'asse centrale, a loro volta segmentati. Secondo alcuni autori la Charnia non sarebbe di origine vegetale ma verrebbe invece attribuita a una specie ancora sconosciuta di Celenterati.