Questo sito contribuisce alla audience di

Cresson, Édith

donna politica francese (Boulogne-Sur-Seine 1934). Esponente del Partito Socialista, ha avuto incarichi governativi all'indomani dell'elezione di F. Mitterrand a presidente della Repubblica francese (1981-85). Tornata al governo nel 1988 (Affari europei) ha svolto un ruolo di primo piano nel processo di sviluppo dell'integrazione europea. Primo ministro nel maggio 1991, l'impopolarità del suo governo e la perdita di consensi registrata dal suo partito alle elezioni amministrative del marzo 1992 l'hanno costretta a rassegnare le dimissioni nell'aprile dello stesso anno. Nominata, nel 1994, commissario dell'Unione Europea a Bruxelles, nel 1999 è stata di nuovo costretta a rassegnare le dimissioni, insieme a tutti i membri della Commissione, a causa di uno scandalo.

Media


Non sono presenti media correlati