Questo sito contribuisce alla audience di

D'Aragóna, Ludovico

sindacalista e uomo politico italiano (Cernusco sul Naviglio 1876-Roma 1961). Militante nel Partito Socialista dal 1892, si dedicò in particolare all'attività sindacale nelle Camere del Lavoro. Nel 1918 succedette a R. Rigola nella carica di segretario generale della Confederazione Generale del Lavoro (CGL). In questa funzione si trovò ad affrontare il delicatissimo periodo dell'occupazione delle fabbriche (1920), che, in coerenza con le tesi del socialismo riformista, pretese di tenere fuori da ogni connotazione politica. Fu poi uno dei più convinti assertori del “patto di pacificazione” con i fascisti. Costretto a lasciare il Partito Socialista nel 1925 si dimise dalla carica di segretario generale della CGL. Dopo la seconda guerra mondiale ritornò alla vita politica: deputato alla Costituente (1946-48), aderì al Partito Socialista dei Lavoratori Italiani e fu ministro del Lavoro (1946-47), delle Poste (1947-48) e dei Trasporti (1950-51) e senatore di diritto dal 1948 al 1953.

Media


Non sono presenti media correlati