Questo sito contribuisce alla audience di

Dabòrmida, Giusèppe

uomo di Stato e generale italiano (Verrua, Torino, 1799-Buriasco di Pinerolo 1869). Ministro della Guerra (1848), non esitò a togliere a Carlo Alberto il comando anche nominale dell'esercito per darlo al polacco Chrzanowski. Ministro degli Esteri con D'Azeglio e con Cavour, nel 1855 diede le dimissioni perché contrario alla spedizione di Crimea. Dopo l'armistizio di Villafranca riassunse l'incarico (luglio 1859-gennaio 1860).